Acitano

Socio ICG
  • Content Count

    572
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

Acitano last won the day on May 16

Acitano had the most liked content!

About Acitano

  • Rank
    Stai frequentando il corso di Coverciano

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Nome Utente: Acitano Nome Squadra: 30roccosport partecipo
  2. cessione: coman Kingsley Junior Coman (Parigi, 13 giugno 1996) è un calciatore francese di origine guadalupese, centrocampista o attaccante del Bayern Monaco e della nazionale francese.Coman muove i primi passi nel Sénart-Moissy. All'età di otto anni, si unisce al settore giovanile del Paris Saint-Germain, indirizzato da suo padre che era un sostenitore del club parigino. Compie tutta la trafila del vivaio, facendosi notare dagli addetti ai lavori nel corso della Youth League.[6] Vince per due volte il premio Titì d'Or, assegnato ogni anno al miglior giovane calciatore francese.Il 17 febbraio 2013 esordisce con la prima squadra del PSG, nella partita di Ligue 1 persa per 2-3 contro il Sochaux, divenendo così il più giovane debuttante in Ligue 1 nella storia dei capitolini, all'età di sedici anni, otto mesi e quattro giorni.[7] Al termine della stagione successiva decide di non rinnovare il suo contratto con i parigini e rimane quindi svincolato.Nell'estate 2014, a diciotto anni, passa a titolo definitivo agli italiani della Juventus.[8] Il calciatore esordisce in bianconero il 30 agosto successivo giocando da titolare la partita inaugurale del campionato, una vittoria 1-0 in casa del Chievo;[9] mette poi a referto il primo gol in maglia juventina il 15 gennaio 2015, siglando il definitivo 6-1 al Verona nella sfida valevole per gli ottavi di Coppa Italia.[10] Al termine dell'annata a Torino, pur facendo parte delle seconde linee del club, può fregiarsi del double campionato-coppa nazionale, giocando anche uno scorcio della finale di Champions League persa dai bianconeri contro il Barcellona.
  3. cessione: nainngolan Radja Nainggolan (Anversa, 4 maggio 1988) è un calciatore belga, centrocampista del Cagliari, in prestito dall'Inter.Quando Radja era ancora un bambino, il padre abbandonò la famiglia lasciandola in condizioni precarie.[5] Fu cresciuto dalla madre, alla quale era molto legato, che morì nel 2010. Parla quattro lingue: olandese, francese, inglese e italiano.[6]Si è sposato il 3 maggio 2011 con Claudia Lai,[6][7] da cui ha avuto due figlie: Aysha (nata nel 2012) e Mailey (nata nel 2016). Nel giugno del 2013 visita per la prima volta l'Indonesia,[8][9] venendo ricevuto dal Ministro per le politiche giovanili e lo sport.[10] Ha una sorella gemella, Riana, anch'essa calciatrice, nella stagione 2014-2015 in rosa con la Res Roma,[11][12] e poi passata al calcio a 5.È un centrale di centrocampo molto dinamico, grintoso e duttile, spesso schierato come mezzala o come mediano davanti alla difesa.[13][14] Dotato di corsa e forza fisica, le sue doti da incontrista e la sua propensione al sacrificio lo portano spesso a pressare gli avversari alla ricerca del recupero del pallone.[13][15][16] Abile negli inserimenti offensivi[15][17] e dotato di discreta tecnica, buona visione di gioco, fiuto del gol e un ottimo tiro dalla distanza di notevole potenza, è stato spesso anche impiegato come regista oppure in un ruolo più avanzato, come trequartista dietro le punte, in particolare alla Roma e all'Inter.[13][14][16][18][19][20] Nel corso della sua militanza nel Cagliari è stato soprannominato Ninja per il suo stile di gioco.
  4. cessione: felipe anderson Felipe Anderson Pereira Gomes (Santa Maria, 15 aprile 1993) è un calciatore brasiliano, centrocampista o ala del West Ham Utd e della nazionale brasiliana.Con la nazionale olimpica brasiliana ha vinto la medaglia d'oro alle Olimpiadi del 2016. In Brasile, nel Santos, si è imposto come trequartista puro, ma in Italia con la Lazio ha svolto principalmente il ruolo di esterno offensivo oppure quello di centrocampista di fascia. A livello tattico può giocare su entrambe le fasce o al centro, anche se predilige quella destra. È stato anche impiegato come attaccante.Fisico longilineo e ambidestro, possiede una grande tecnica di base, dribbling secco e uno stop in movimento eccellente, nonché un buon tiro dalla distanza e grande precisione nei calci piazzati: rigori, punizioni e corner. È inoltre un giocatore che riesce a muoversi benissimo tra le linee, rapido e scattante. Caratterizzato anche da corsa, duttilità, spirito di sacrificio e umiltà, nella Nazionale Under-20 brasiliana ha giocato in una posizione più arretrata, coprendo le spalle ad Ademilson da centrocampista centrale.Ha iniziato la sua carriera calcistica nell'Associação 14 Companhia de Polícia Militar Independente (CPMIND), a Santa Maria, all'età di sei anni. Poco dopo si trasferisce al Federal FC dove gioca fino al 2006, anno in cui viene ingaggiato dal Sport Clube Recreativo Gaminha FC. Dopo alcune buone prestazioni viene ingaggiato dall'Astral EC, squadra del Paraná. Nel 2007 si trasferisce nelle giovanili del Coritiba e la stessa estate viene prelevato dal Santos.
  5. cessione: carrasco Yannick Ferreira Carrasco (Ixelles, 4 settembre 1993) è un calciatore belga, centrocampista o attaccante dell'Atlético Madrid, in prestito dal Dalian Yifang, e della nazionale belga.È nato da padre portoghese e da madre spagnola. Alla nascita era in possesso del doppio cognome Ferreira-Carrasco, ma visti i rapporti poco amichevoli con il padre ha deciso in seguito di mantenere soltanto il cognome della madre.Esterno offensivo gioca prevalentemente come ala sinistra, ha un ottimo piede destro e può essere utilizzato su ambedue le corsie del campo o può anche essere impiegato in posizione centrale. La sua precisione di tiro e l'ottima tecnica individuale, gli permettono di risultare decisivo anche negli inserimenti sulle palle inattive o sui cross in movimento. Ottimo contropiedista dotato di un grande scatto e dribbling, grazie al fisico longilineo e alle sue lunghe leve, sa essere efficace sia nella fase difensiva che in quella offensiva.ato ad Ixelles, comune della città di Bruxelles, da padre portoghese e madre spagnola, Carrasco inizia a giocare a calcio nello Stade Everois, una squadra locale. Poco tempo dopo passa al Diegem e all'Anvers. Nel 2009 lo acquista il Genk, giocando nel settore giovanile dei biancoblu. Nella stagione successiva viene acquistato dal Monaco, che lo fa crescere per due anni nel La Turbie[3]. Al termine della prima stagione vince la Coupe Gambardella, prestigioso trofeo giovanile organizzato dalla federazione francese e rivolto agli Under 18.
  6. cessione:willian Willian Borges da Silva, noto semplicemente come Willian (Ribeirão Pires, 9 agosto 1988), è un calciatore brasiliano, centrocampista o ala del Chelsea e della nazionale brasiliana.Willian gioca come ala, ma può essere adattato anche come trequartista.[2][3][4] è dotato di velocità, accelerazione oltre che di un'ottima tecnica che gli consente di effettuare finte, dribbling o giocate come l'elastico che lo rendono imprevedibile mettendo in difficoltà i difensori avversari.[5][6][7] È anche un buon battitore di calci d'angolo e punizioni,[8] oltre a disporre di una visione di gioco che gli consente di effettuare assist per i compagni.Il 23 agosto 2007 viene acquistato dagli ucraini dello Shakhtar Donetsk per circa 15 milioni di euro[10] e firmando un contratto quinquennale.[10] Ben presto si ritaglia un ruolo da titolare nella squadra ucraina, con la quale vince campionato e coppa. L'8 marzo 2011 segna il suo primo gol nelle competizioni europee a una squadra italiana in Shakhtar-Roma valida per la qualificazione ai quarti di finale di Champions League. Il 7 novembre 2012 arriva la sua prima doppietta in Champions League nella sconfitta per 2-3 allo Stamford Bridge contro il Chelsea.Il 1º febbraio 2013 viene venduto all'Anži,[11] società russa militante nella Prem'er-Liga, per circa 35 milioni di euro. Originariamente scelse il numero 10, ma per alcune restrizioni imposte dalla UEFA il suo numero divenne l'88. Segna il suo unico gol con l'Anži il 14 aprile 2013, nella partita vinta per 3-0 contro il Volga Nizhy Novgrod.
  7. cessione: ferland Mendy Ferland Mendy (Meulan-en-Yvelines, 8 giugno 1995) è un calciatore francese, difensore del Real Madrid.[2]Esordisce da professionista con il Le Havre. Nella sua ultima stagione colleziona 35 presenze in Ligue 2.[3] Il 29 giugno 2017 passa al Lione.[4] Il 26 agosto successivo esordisce in Ligue partendo titolare contro il Nantes. Resta al Lione per due stagioni, collezionando 57 presenze e 2 reti in Ligue 1.Il 12 giugno 2019 si trasferisce al Real Madrid, con cui firma un contratto fino al 30 giugno 2025;[5] secondo le indiscrezioni di stampa il costo del cartellino sarebbe pari a 48 milioni più bonus.Una storia di coraggio, di grande forza di volontà. Una storia umana, non soltanto di calcio. E’ la storia di Ferland Mendy, francese di 24 anni, che ha firmato con il Real Madrid un contratto fino al 2025 (arriva dal Lione per 48 milioni di euro più bonus). Fin qui, nulla di diverso rispetto a tanti altri bravi giocatori. Se non fosse che Ferland Mendy quand’era ragazzino ha rischiato di non poter più camminare. Altro che giocare a calcio.Mendy, all’età di 14 anni, era affetto da una forma di artrite all’anca. I medici che lo hanno operato gli dissero che non avrebbe potuto realizzare il suo sogno di diventare calciatore.
  8. cessione: renan lodi Renan Augusto Lodi dos Santos, meglio noto come Renan Lodi (Serrana, 8 aprile 1998), è un calciatore brasiliano, difensore dell'Atlético Madrid e della nazionale brasiliana.Nell'estate del 2019 viene indicato dall'UEFA come uno dei 50 giovani più promettenti per la stagione 2019-2020[2].È un terzino sinistro veloce,[3] dotato di ottima accelerazione[3] e bravo nei cross.[3] È bravo anche in fase difensiva.Cresciuto nelle giovanili dell'Athletico Paranaense, ha esordito il 14 ottobre 2016 in occasione del match perso 1-0 contro il Grêmio.Esordisce con la maglia dei Colchoneros il 18 agosto 2019 in occasione della partita di campionato contro il Getafe, vinta per 1-0[4] in cui viene espulso ricevendo due cartellini gialli in un minuto.[5] Il 23 novembre 2019 segna il suo primo gol con la maglia dell'Atlético, realizzando la rete del momentaneo vantaggio nella gara di campionato contro il Granada terminata per 1-1.il 10 ottobre 2019 debutta con la nazionale brasiliana, nell'amichevole pareggiata per 1-1 con il Senegal a Singapore, subentrando ad Alex Sandro, e proprio al giocatore della juventus che si fanno i maggiori accostamenti è considerato dagli addetti ai lavori il suo successore.
  9. nuovo arrivo: moise Kean Moise Bioty Kean (Vercelli, 28 febbraio 2000) è un calciatore italiano, attaccante dell'Everton, della nazionale italiana e della nazionale under-21 italiana.È figlio di genitori originari della Costa d'Avorio, arrivati a Vercelli nel 1990, dove Moise nasce dieci anni dopo. Con la sopravvenuta separazione tra i suoi genitori, all'età di 5 anni Moise si trasferisce con la madre e i suoi due fratelli ad Asti, dove trascorre il resto dell'infanzia e dell'adolescenza.Inizia a interessarsi al calcio grazie al fratello maggiore Giovanni, tirando i primi calci nell'oratorio Don Bosco di Asti.[3] Entrambi approdano poi nel vivaio della principale squadra cittadina, l'Asti.[3] Nonostante non abbia ancora 10 anni, e per questo non sia ancora tesserabile dalla società biancorossa, Moise si fa presto notare contro avversari più grandi di lui, tanto da ottenere e superare un provino che lo fa entrare nel più blasonato settore giovanile del Torino.[3]Rimane in granata fino al 2010 quando, su spinta di uno zio di famiglia (a sua volta padre di Abdoulaye Bamba, anche lui calciatore), passa ai concittadini della Juventus[3] dove compie tutta la restante trafila delle giovanili fino alla formazione Primavera di Fabio Grosso: con questa, nel 2016 raggiunge la finale scudetto persa ai tiri di rigore contro i pari età della Roma.[5]
  10. Nuovo arrivo: Lookman Ademola Olajade Lookman (Wandsworth, 20 ottobre 1997) è un calciatore inglese, attaccante o ala del RB Lipsia.Cresciuto nelle giovanili del Charlton Athletic, Lookman esordisce in prima squadra il 3 novembre 2015. Il 5 dicembre segna la prima rete da professionista contro il Brighton & Hove Albion,ed un altro ancora lo segna il 15 dicembre contro il Bolton Wanderers.Il 5 gennaio 2017 passa all'Everton.Il 15 gennaio esordisce in Premier League contro il Manchester City subentrando al novantesimo minuto al posto di Ross Barkley, segnando la rete del definitivo 4-0.[6] Il 7 dicembre 2017 segna la prima rete e la prima doppietta in una competizione europea, durante l'ultimo match della fase a gironi di Europa League contro l'Apollōn Limassol.Nato in Inghilterra da genitori nigeriani, Lookman è convocabile da entrambi i paesi. Il 16 maggio 2016 viene convocato dalla Nazionale Under-19 per dei match contro il Messico. Viene convocato nel 2016 per l'Europeo Under-19 di categoria, e nel 2017 è nella lista dei 23 che vengono convocati per il Mondiali Under-20.Giocatore molto discontinuo che cerca di emergere dal panorama delle giovani speranze.
  11. Nuovo arrivo: Ferro Il viaggio è già lungo, ma lentamente se vai lontano. Ferro non è un ragazzo di 18 o 19 anni, come nel caso di João Félix. Saranno 22 anni in quasi un mese , il che gli conferisce una maturità e una sicurezza che molti di quelli recentemente promossi in una squadra senior non hanno. Maturità che si stava costruendo in alcune fasi, ma sempre con lo stesso obiettivo: arrivare in Benfica.Tutto ebbe inizio nel 2005, quando si unì alle scuole di Oliveirense, un club nella sua terra natale, Oliveira do Azeméis. E proprio lì, nella sua prima esperienza, il piccolo "Kiko" si è rivelato diverso dagli altri. Tanto che ben presto apparve il Benfica, che si assicurò che il giocatore non scappasse. E non è fuggito, ma ... non è nemmeno andato a Lisbona: perché era molto giovane e non poteva essere lontano dai suoi genitori, è stato assegnato a due club della zona attraverso un protocollo.Gli amici ne confermano almeno uno: André Gonçalves ha suonato con Ferro a Taboeira. L'amicizia è cresciuta molto facilmente e continua ancora oggi. I percorsi professionali finirono per divergere, ma al giorno d'oggi dalle feste di compleanno dei bambini agli SMS regolari
  12. Nuovo arrivo: Aaron martin Aarón Martín Caricol (Montmeló, 22 aprile 1997) è un calciatore spagnolo, difensore del Magonza e della nazionale Under-21 spagnola.È un terzino sinistro dotato di una buona tecnica individuale, veloce e rapido; è stato paragonato ai connazionali Joan Capdevila e Jordi Alba.Cresciuto nel settore giovanile dell'Espanyol, esordisce con la prima squadra del club spagnolo il 2 ottobre 2016, nella partita pareggiata per 0-0 contro il Villarreal, sostituendo al 68º minuto José Antonio Reyes.Il 6 agosto 2018 passa in prestito con diritto di riscatto al Magonza.Si tratta di un terzino sinistro di spinta con un futuro roseo, in quanto ha tutte le giuste qualità di un terzino moderno, attualmente in Bundesliga ricopre il ruolo di titolare fisso ma il sogno è tornare a calcare i campi della Liga spagnola cosi da conquistare un posto in nazionale dove ha fatto già parte agli scorsi europei under-21 giocando tutte le partite da titolare.. Rapido, ficcante, molto pericoloso, il laterale mancino si approccia alla nuova stagione come giocatore molto interessante anche in ottica big per il futuro. Il mister della 30rocco ripone molta fiducia nel giocatore sperando in continui aggiornamenti positivi su FIFA.
  13. Nuovo arrivo: Fornals Pablo Fornals Malla (Castellón de la Plana, 22 febbraio 1996) è un calciatore spagnolo, centrocampista del West Ham e della nazionale spagnola.È un centrocampista centrale, molto dotato tecnicamente e soprattutto è duttile tatticamente, può agire in qualsiasi ruolo della zona mediana, giocando spesso come trequartista, possiede un buon tiro dalla distanza, ed è abile negli inserimenti senza palla, Cresce calcisticamente dal 2003 al 2008 nelle giovanili del Villarreal, per poi militare dal 2008 al 2012 nel Castellón. Dal 2012 al 2014 ha giocato per le giovanili del Málaga, dove debutta in prima squadra il 26 settembre 2015 giocando da titolare nella partita di Liga BBVA in casa del Real Madrid. Il 28 novembre seguente, segna la sua prima rete con le Acciughe nel 2-2 interno contro il Granada. Nella stagione successiva, il 4 dicembre 2016 segna una doppietta nel 2-2 in trasferta contro il Valencia totalizza globalmente in due anni con la società andalusa, 63 presenze segnando 7 reti, Il 24 luglio 2017 viene ingaggiato dal Villarreal per 12 milioni, ovvero il valore della clausola rescissoria del calciatore, facendo così ritorno dopo nove anni nella società del Sottomarino Giallo firmando un contratto fino al giugno 2022.[4] Il 17 dicembre seguente, segna la rete decisiva nella trasferta di Vigo vinta 1-0 contro il Celta Vigo. Si ripete il 13 gennaio 2018 segnando in trasferta al Stadio Santiago Bernabéu la rete decisiva nella vittoria dei gialli per 1-0
  14. Nuovo arrivo: Isco Francisco Román Alarcón Suárez, noto semplicemente come Isco (Benalmádena, 21 aprile 1992), è un calciatore spagnolo, centrocampista del Real Madrid e della nazionale spagnola.Nel corso della sua carriera ha vinto 1 Liga (2017), 1 Coppa di Spagna (2014), 1 Supercoppa di Spagna (2017), 4 Champions League (2014, 2016, 2017 e 2018), 3 Supercoppe UEFA (2014, 2016 e 2017) e 4 Mondiali per club (2014, 2016, 2017 e 2018). Mentre con la Nazionale Under-21 spagnola ha vinto l'Europeo di categoria nel 2013.Nel 2012 venne inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1991 stilata da Don Balón.Isco ha iniziato la sua carriera giocando da trequartista nel Málaga di Manuel Pellegrini. Una volta arrivato al Real Madrid, Carlo Ancelotti gli ha chiesto di arretrare il suo raggio d’azione, ritagliandogli un ruolo più difensivo rispetto al suo naturale. Isco è noto per la sua abilità nello stoppare i palloni con un controllo perfetto, per il suo dribbling nello stretto, grazie anche al suo baricentro basso e per i tiri di precisione. In cabina di regia a centrocampo, è sempre un passo avanti nella capacità di lettura del gioco, così come nell'attacco degli spazi. Nel 2013 è stato definito dalla rivista spagnola Marca come il giovane più promettente del calcio spagnolo, paragonato a Sergio Agüero per la sua forza e le sue abilità e a Zinédine Zidane per la visione di gioco e la precisione nei passaggi. L'ex portiere del Real Madrid Iker Casillas ha invece dichiarato che Isco sarebbe diventato il giocatore più importante della nazionale spagnola.
  15. Nuovo arrivo: Toni Kroos Uno dei maggiori talenti del calcio tedesco, tra i centrocampisti più forti del mondo, è un regista dall'eccellente visione di gioco, abile con entrambi i piedi. È stato paragonato anche a Juan Romàn Riquelme. Kroos può ricoprire diversi ruoli: nasce trequartista ma ha finito per essere impiegato come centrocampista centrale, con risultati eccellenti. Con Pep Guardiola, è stato utilizzato anche come mezzala, sia destra che sinistra. Ambidestro, nel suo bagaglio tecnico rientrano conclusioni dalla distanza, grazie ad un tiro potente, calci di punizione, cross e precisi passaggi smarcanti.Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón. Proveniente da una famiglia sportiva (il padre Roland era calciatore e la madre Birgit è stata campionessa DDR nel badminton), Toni Kroos nasce il 4 gennaio 1990 a Greifswald nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore nella Germania Est, 9 mesi prima della riunificazione.Kroos cresce con i genitori e il fratello più giovane, Felix, nel quartiere Schönwalde ed entra all'età di sette anni nel Greifwalder SC, dove suo padre allena le giovanili. Nel 2002 si trasferisce con la famiglia a Rostock, dove il padre passa ad allenare le giovanili dell'Hansa Rostock, segnalando subito al suo nuovo club sia Toni che Felix Kroos. Le eccezionali prestazioni di Toni gli consentono di saltare diverse squadre giovanili, finché, nel 2004, il Bayern Monaco esprime il suo interesse per il giocatore, che decide però di rimanere con il club di Rostock.